/

IL DESTINO DELLA NAVE EUROPA

L’Europa è ad un bivio: o andare addosso a quell’iceberg che rappresenta tutte le difficoltà e le divisioni interne, affondando come il Titanic, oppure salvare i propri abitanti con una manovra difficile ma fondamentale per un futuro in comune. Una battaglia a colpi di nomine Questa seconda parte di luglio sarà fondamentale per stabilire il destino del piano degli aiuti previsti dal piano Next Generation EU: al consiglio europeo del

/

GRACELAND: L’ALBUM SCRITTO “SOTTO I CIELI AFRICANI”

Paul Simon ha appena divorziato con la moglie Carrie Fischer e ha vissuto negativamente la breve re-unione con il collega Garfunkel. Una cassetta contenente musica sudafricana giunge a salvarlo e a dargli l’ispirazione per il suo album solista di maggior successo. Graceland rappresenta una vera e propria svolta per la carriera del musicista statunitense, nel momento in cui giunge a una rottura con le sue solite collaborazioni e conoscenze. Dobbiamo

/

A SPASSO PER MUSEI: LA PINACOTECA DI BRERA

Il secondo passo nelle visite museali di Sasha Strong, lo porta in una delle più ricche pinacoteche italiane come patrimonio: Brera. Viviamo assieme le sue sensazioni e i suoi giudizi. È passato ormai un mese dalla prima visita del nostro ragazzo, Sasha Strong. È ora di proseguire il racconto del suo viaggio culturale. Per questa volta non dovrà spostarsi troppo, perché ci troviamo in Italia, a Milano. La Pinacoteca di

/

LA CRISI DELLE BIRRE ARTIGIANALI: INTERVISTA A TEO MUSSO, PATRON DI BALADIN

Secondo il celebre dizionario del parlare quotidiano non c’è miglior sinonimo di aggregazione dell’espressione “stasera birretta?”. E, si sa, di questi tempi il concetto di aggregazione non va, giustamente, per la maggiore. Le attività che creano occasione d’incontro (pub, bar, birrerie e ristoranti) sono state le prime a chiudere e le ultime a riaprire. La diretta conseguenza è stata una enorme contrazione nel consumo dei prodotti ad esse, direttamente o

/

RENZI E CALENDA: FILOSOFIE POLITICHE A CONFRONTO

Capita non di rado che uomini di politica si rifacciano, direttamente o meno, a uomini della storia: scrittori, intellettuali, filosofi, loro simili, ma di altri secoli. Spesso però è un richiamo di facciata, un atteggiamento per convincere il cittadino della bontà culturale delle proprie scelte e convinzioni. Eppure, quando Renzi dice d’essere machiavellico e Calenda socialista liberale “a la Rosselli”, vi è qualcosina in più. 507 anni fa un grande