/

TAXI B, LA FINE DELLA MUSICA ITALIANA?

La prima volta in cui ho sentito una canzone di Taxi B, ho pensato seriamente di smettere di ascoltare rap italiano per almeno i successivi dieci anni. Non riuscivo assolutamente a trovare nulla che giustificasse nella mia testa un futuro nel quale avrei potuto ritrovarmi con le canzoni degli FSK Satellite (gruppo del quale l’artista fa parte) in una qualunque playlist del mio account Spotify. Le loro melodie erano totalmente

/

SALUTE PUBBLICA ED ETICA: CHI HA DIRITTO A COSA? (PARTE II)

Fino a che punto le persone più a rischio a causa del covid-19 hanno un diritto—inteso come la facoltà di far valere un’obbligazione sulle loro controparti—ad essere tutelate a scapito di chi è meno a rischio e si vede penalizzato dalle misure di contenimento? Nella prima parte di questo post, dopo aver stabilito la “naturale eticità” del diritto di proprietà di ogni essere umano sul proprio corpo e sulla propria

/

SALVATE IL SOLDATO CHARLIE

Il 2 settembre iniziava il processo ai quattordici sospetti complici degli islamisti francesi dietro gli attacchi alla rivista satirica e a un supermercato ebraico a Parigi. Per l’occasione Charlie Hebdo aveva ripubblicato, in un numero speciale, le contestate vignette sull’Islam che provocarono la violenta reazione dei musulmani integralisti. Il direttore editoriale, Laurent Sourisseau, rimasto ferito nell’attacco, in un editoriale allegato alla pubblicazione, ha scritto: «Non ci arrenderemo mai. L’odio che

/

IL FALSO CULTO DEGLI IMPRENDITORI – COME FUNZIONA L’INNOVAZIONE

Nell’epoca di Facebook, Google, Tesla si è sempre di più diffuso il culto dell’imprenditore come una persona dotata di visione e coraggio in grado di creare società miliardarie e rivoluzionare la vita di noi tutti. Si tratta di una visione in qualche modo riconducibile a quella dell’economista austriaco Joseph Schumpeter, che vedeva nell’imprenditore e nella sua capacità di andare oltre i limiti del suo tempo la driving force dell’innovazione tecnologica

/

È FINITO IL TEMPO DELLA POLITICA MACHIAVELLICA

Basta “mosse del cavallo”: la politica del dopo-Covid deve essere coerente e trasparente e deve soprattutto seguire le indicazioni della scienza e degli esperti, che molto spesso sanno ascoltare i cittadini più dei politici stessi. Mettendo al centro i candidati della società civile e programmi veramente sostenibili, si può avere un vero e proprio risveglio della politica. In una parola: coerenza “Non facciamo le verginelle, Italia Viva è anche un’operazione

/

LA SECONDA ONDATA CI SEPPELLIRÀ E SARÀ COLPA DI TUTTI

Domenica 25 ottobre è tornata l’ora solare. Gli italiani hanno portato le lancette indietro a Marzo. Ebbene sì, dopo gli slogan da libro cuore “andrà tutto bene”, “ce la faremo”, “ci riabbracceremo ancora più forte”, nulla è cambiato rispetto al dramma vissuto in primavera. La seconda ondata è arrivata, con forza pari o superiore a quella della prima: ospedali, soprattutto al Sud, in tilt; migliaia di nuovi casi al giorno;

/

SALUTE PUBBLICA ED ETICA: CHI HA DIRITTO A COSA? (PARTE I)

Anche con la certezza tecnico-scientifica che il lockdown fosse la soluzione migliore per contenere la diffusione del covid-19, ci troveremmo comunque di fronte ad una questione filosofica di fondo: fino a che punto è legittimo per la collettività esercitare una pressione coercitiva sul singolo individuo? Tra le tante questioni politiche che stanno testando—e continueranno a testare—la tenuta dei modelli socioeconomici ed istituzionali dell’Occidente, vi è il problema dei lockdown e

1 2 3 6