/

L’IMPORTANZA DEI NOMI (di Claudio Cavagnero)

Il presente articolo è in risposta a “Non abbiamo bisogno di etichette” di Francesco Saverio De Marchi. “Allora il Signore Dio plasmò dal suolo ogni sorta di animali selvatici e tutti gli uccelli del cielo e li condusse all’uomo, per vedere come li avrebbe chiamati: in qualunque modo l’uomo avesse chiamato ognuno degli esseri viventi, quello doveva essere il suo nome. Così l’uomo impose nomi a tutto il bestiame, a

/

IL NUOVO UMANESIMO DI GIUSEPPE CONTE

Ecco la retorica con cui Conte si è reinventato leader politico dei sedicenti progressisti. “Nuovo Umanesimo” è un’espressione che Giuseppe Conte ha utilizzato più volte nei suoi interventi pubblici. In occasione del Festival Nazionale dell’Economia Civile, tenutosi a Firenze tra il 25 e il 27 settembre scorso, ha addirittura annunciato un “grande evento internazionale” a inizio 2021, per “discutere e dare sostanza concreta” a questo concetto. Non si pensi però

/

NO MAN’S LAND E IL RACCONTO DELLA GUERRA IN BOSNIA

Ironia e tragedia nella storia particolare del film premio Oscar che racconta una parentesi triste della storia est europea che ancora oggi miete vittime innocenti. Negli anni ’90 la Bosnia ed Erzegovina si è vista in ginocchio a causa del conflitto armato. Cessato il fuoco, però, non ha smesso di essere tartassata; da allora 728 persone sono morte a causa delle mine rimaste impiantate nel suolo bosniaco. Di queste 673

/

OLTRE LA SCONFITTA: CHE NE SARÀ ORA DEL POPULISMO?

Donald Trump, la Brexit, il Covid Dopo la sconfitta di Donald Trump è tornata in voga l’idea secondo cui il Populismo Sovranista con tinte nazionaliste, reazionarie, qualunquiste sarebbe in crisi. La pandemia, secondo questa narrazione, avrebbe reso evidenti l’incapacità di governare di personaggi del calibro di Trump, Bolsonaro, Salvini, Boris Johnson et similia. E ora che l’ondata di populismo sembra ritrarsi tornerà una politica fatta di competenze e colletti inamidati

/

LA PELOTA SIEMPRE AL DIEZ

Qualcuno dice che non è il più grande, che ormai i bambini in giro per il mondo pensano a Messi quando stoppano il loro primo pallone o calciano una punizione dal limite dell’area. Può essere, chi lo sa, a chi importa. Non sono però necessari grandi sforzi di immaginazione per provare a capire a cosa pensa Lionel Messi quando vede la Dieci dell’Argentina. Diego Armando Maradona è morto qualche settimana

/

AUGURI DI SOBRIO NATALE

Sobrietà, spiritualità e anche un poco di castità: ecco le raccomandazioni di Conte e del suo governo per questo Natale (per ora). In questi giorni le prime pagine dei giornali sono piene zeppe di anticipazioni del governo sulle future restrizioni in vista del Natale. La retorica non è tanto diversa da quella adottata a maggio, quando si parlava di “congiunti” e non si capiva bene chi avesse conferito al governo

/

NON ABBIAMO BISOGNO DI ETICHETTE

Io, come immagino tutti voi, sono cresciuto con la convinzione di dovermi catalogare, inquadrare in modo preciso nel political compass. Sono socialista? Conservatore? Liberale? Comunista? La risposta a queste domande non cambia solo da persona a persona, ma anche con il tempo. Il complesso di idee su cui reggiamo la nostra vita, appunto l’ideologia, muta (per fortuna) assieme alla vita stessa. A meno di essere fedeli ad un’ideologia, ogni individuo

1 2 3 6