/

CLUBHOUSE, UN POSSIBILE MEZZO DI DEMOCRAZIA IN IRAN?

Una serie di funzionari di alto livello, candidati alla presidenza ed altre personalità politiche iraniane hanno iniziato ad utilizzare frequentemente Clubhouse. Secondo molti osservatori l’applicazione può diventare un nuovo faro di democrazia e di libertà di espressione per il paese. Ma non è così semplice. Il 31 marzo il ministro degli esteri iraniano Mohammad Javad Zarif ha fatto la sua prima apparizione su Clubhouse. È rimasto a lungo per discutere

/

L’ANNO ELETTORALE EUROPEO

Il 2021 sarà un anno fondamentale per gli equilibri politici del vecchio continente: alcuni importanti paesi dell’Unione sono chiamati al voto e in molti casi si tratta di elezioni molto significative, che avranno ripercussioni sulla politica dell’intera Europa. Dopo un 2020 segnato da pochissime tornate elettorali in tutto il mondo, di cui molte rimandate a causa COVID, alcuni paesi in Europa e nel mondo saranno chiamati al voto nel 2021

/

USA: GUERRA CIVILE O LENTA DECADENZA?

La vittoria alle presidenziali dell’ex vice presidente sembra ormai cosa fatta, ma nonostante l’esito inequivocabile del voto degli elettori americani, gli esiti ottenuti non necessariamente determineranno un passaggio immediato del potere nelle mani del leader democratico. Trump del resto non si è di certo astenuto dal sottolineare la sua volontà di impedire una transizione pacifica, sostenendo ripetutamente l’inaffidabilità del sistema di voto per posta e dichiarando negli ultimi giorni con

/

NO PASARAN! IL FALLIMENTO DELLA LEGA NAZIONALE

Le elezioni regionali tenutesi nel biennio 2019-2020 potevano rappresentare l’occasione propizia per la mutazione definitiva della Lega da partito regionale a partito nazionale. I risultati confermano il fallimento della strategia del leader padano Salvini e del suo guru Morisi. Nel 2019, su cinque consigli regionali, la Lega ne conquista soltanto uno (quello umbro) dopo 25 anni di centrosinistra. Il 2020 inizia sulla falsa riga dell’anno appena trascorso. Grazie al buon

/

TRADIZIONE O PROGRESSO. DIMENSIONE INTERNA E INTERNAZIONALE DEL BIVIO POLACCO

In Polonia si sta riproducendo lo scontro tra forze populiste e progressiste con il quale ormai ci siamo abituati a convivere a livello europeo e mondiale. Le elezioni vedono il presidente uscente Andrzej Duda in affanno, nonostante i sondaggi lo dessero come vincente al primo turno. Infatti, come abbiamo potuto osservare negli ultimi giorni, l’avversario liberale di centrodestra Rafał Trzaskowski è riuscito ad ottenere molti consensi, ed ora le sorti