/

DISCOVERY – IL LAMPO DI GENIO DEI DAFT PUNK

Quattro giorni fa, i Daft Punk hanno annunciato a sorpresa la loro separazione dopo ventotto anni di carriera. La notizia, rimbalzata immediatamente ovunque, è stata confermata dal duo francese tramite un video – uno spezzone del film “Daft Punk’s Electroma” – dal titolo piuttosto eloquente: “Epilogue”. Quando ho appreso la notizia, onestamente, credevo si trattasse di uno scherzo. Mi rifiutavo di dare corda a (quasi) ogni testata giornalistica che riportasse

/

DIECI ALBUM DEL 2020 ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE

Il 2020 è stato un anno che ha destabilizzato le nostre vite come pochi altri, nella storia recente, hanno saputo fare. Tuttavia, nonostante una pandemia mondiale che ci tiene tutt’ora in ostaggio, l’industria musicale ha saputo regalarci non poche soddisfazioni. Ecco quindi dieci album che noi della redazione ci sentiamo di consigliarvi. “Heaven to a Tortured Mind” – Yves Tumor Genere: psychedelic soul, art rock Pubblicato agli inizi dello scorso

/

MICHELE SALVEMINI E IL SUO PEZZO DA MUSEO

E’ un capolavoro totale. Lo era nel 2014 e lo resta tutt’ora. Dico, l’album. Anche tutto quello di cui narra eh, per non parlare dei quadri che accompagnano i pezzi, e che fungono da fonte di ispirazione. Ma qui si parla di musica, e di contenuto. E’ la definitiva consacrazione di Capa a poeta intellettuale introspettivo. Una “matrioska” di diverse arti è questo disco. Un continuo solletico ai sensi. Una

/

MASSIMO PERICOLO, LA MALINCONIA DELLA PROVINCIA

Internet negli ultimi anni ha trasformato numerosi artisti in semplici font per meme da condividere nei vari gruppi social, svuotandoli spesso del loro significato originario e rendendoli quindi innocui. La prima volta che ascoltai Massimo Pericolo la motivazione fu proprio il passaparola in seguito alla canzone che gli ha consentito di emergere a livello nazionale, ”7 Miliardi”: il video di questo pezzo presenta tutti gli elementi con i quali è

/

PARLA IL MAESTRO E TUTTI MUTI

Questa sesta edizione dell’Accademia per giovani direttori d’orchestra e maestri collaboratori è dedicata a due capolavori del repertorio verista, Cavalleria rusticana e Pagliacci, opere troppo spesso “maltrattate” da esecuzioni approssimative e tendenti alla volgarità. Si tratta quindi, credo, di un’edizione particolarmente delicata e preziosa, che potrà essere di grande aiuto per i giovani per riuscire a comprendere al meglio la sapienza compositiva, l’arte della strumentazione e la nobiltà delle linee

/

MONUMENTALE DONIZETTI PER LE VITTIME DEL COVID

E’ stato un evento carico di emozioni, finemente pensato e molto suggestivo, il concerto tenuto nel piazzale del Cimitero Monumentale di Bergamo lo scorso 28 Giugno, per la commemorazione delle più di seimila vittime del Covid-19. Sul palco l’Orchestra e il Coro della Fondazione Teatro Donizetti, I solisti, Eleonora Buratto (soprano), Annalisa Stroppa (mezzosoprano), Piero Pretti (tenore), Alex Esposito e Federico Benetti (bassi), diretti dal Maestro Riccardo Frizza. In programma,

/

“GEMELLI”, L’AUTOAFFERMAZIONE DI ERNIA

La mattina del 19 giugno mi sono svegliato con l’impellente bisogno di accelerare la mia routine quotidiana: risveglio traumatico da sveglia insistente, camminata zombie verso la moka, sigaretta che scandisce ogni singola azione, cuffie alle orecchie ed ascolto delle ”Nuove Uscite” su Spotify. Ma a differenza del solito, ero consapevole del fatto che non avrei vagato a tentoni nella playlist cercando qualcosa che catturasse la mia pancia e la mia

/

PERCHÉ IN ITALIA DI CULTURA NON SI MANGIA

Partiamo direttamente dalla stilettata, giusto per levarci il pensiero. Di Cultura in questo paese non si vuole mangiare. E per chi ci lavora, tipo chi scrive, prenderne atto è tremendamente desolante. Solo Tremonti ebbe il coraggio di dirlo apertamente, ma si parla ormai già di qualche tempo fa. Quindi penso sia arrivato il momento che noi “interni” ce lo ricordiamo ancora una volta, da soli. Sono anni che si discute,