L'immagine by Sergey Galyonkin from Raleigh, USA è concessa in licenza con CC BY-SA 2.0
/

E3 2021: IL RITORNO

Dopo un anno di pausa, dettato dalla pandemia di Covid-19 ancora in atto, la fiera videoludica più importante di sempre sta ritornando. Quindi saliamo sul treno dell’hype e parliamo di questo fantastico evento arrivato oramai alla sua ventiseiesima edizione.

Per coloro che non sapessero cosa è l’E3, l’Electronic Enterteinment Expo è una fiera-evento organizzata dall’ESA (Enterteinment Software Association) a cui fanno parte molti grandi publisher. L’evento generalmente previsto per le prime settimane di Giugno, strutturato in un arco tre giorni si tiene al Convetion Center di Los Angeles. I giocatori e la maggior parte della stampa che vi partecipa ha l’occasione di poter provare con mano le ultimissime novità ed i progetti appena annunciati. Ma ciò che catalizza l’interesse dei videogiocatori sono le conferenze dei vari editori i giorni prima. Dalle origini nel 1995 al ritorno nel 2021 le novità e i progetti annunciati sono stati tantissimi e memorabili.

Ma c’è ancora posto per l’E3? Questa fiera è destinata a durare nel tempo? Prima di provare a speculare su quelli che potrebbero essere i reveal di quest’anno, ragioneremo su quali aspetti e il perché questo evento sembrerebbe aver già dato tutto.

Non chiamatelo Expo ma Experience

Dal 13 al 15 di Giugno, come anticipato qualche riga sopra, l’evento tornerà, ovviamente, in una forma completamente digitale. Il nome passerà da Expo ad Experience promettendo un coinvolgimento pari o quasi a quello che sarebbe stato in loco. Se per noi italiani alla fine dei conti le premesse risultano comunque pressoché simili, per gli addetti alla stampa e videogiocatori di oltreoceano chiaramente no. Arrivato alla ventiseiesima edizione l’E3, pandemia o no, inizia a presentare ora più che mai i segni del tempo. Questo evento più si va avanti più risulta stretto e non più adatto alle esigenze dei vari publisher. I problemi, se così li vogliamo chiamare, risiedono in più punti secondo me:

  • La comunicazione: il dover comunicare, appunto, all’utenza un vario insieme di titoli e servizi in arrivo nel corso dell’anno ed oltre porta una compagnia al quasi farsi concorrenza da sola, in un contesto in cui sono presenti molti espositori, ognuno dei quali con più prodotti, viene da se come la situazione non sia più accattivante come un tempo. I Nintendo Direct, video tematici pre-registrati e montati dedicati alle novità della grande N, sono frammentati nel corso dell’anno e permettono una visibilità completa al prodotto che la compagnia intende comunicare. Sulla scia dei direct di Nintendo si sono uniti poi nel corso degli anni molti altri editori come Square-Enix, Sony, EA, Warner Bros., Activision etc…
  • I leak: ovvero le fughe di notizie, rappresentano un vero e proprio tallone di Achille. Cercare di tenere nascosto un prodotto non è mai facile ( a meno che non sei Rockstar Games, ndr ) dovuto anche dalla mole di persone che ci lavorano dietro. Investire quindi denaro per creare un effetto wow al prodotto, la cui sorpresa magari viene messa online qualche giorno prima dell’evento, può risultare inutile.
  • I costi: ultimo, ma assolutamente non per importanza, è l’aspetto economico. La messa in piedi di una conferenza ha dei costi che non sono totalmente ignorabili. Il che porta a preferire di creare un evento pre-registrato da caricare online, dedicato solamente al prodotto a cui si intende dare maggiore visibilità.

E3 2021: le previsioni

Tra le varie conferenze previste quest’anno molti sono i publisher presenti e tantissimi potrebbero essere gli annunci. Proviamo a fare delle previsioni su quelli che sono i principali attori di questo evento.

Microsoft

Si preannuncia essere uno dei principali e attesi protagonisti della conferenza di Microsoft.
L’immagine è concessa in licenza con by instacodez CC PDM 1.0

La casa di Redmond è senza ombra di dubbio uno dei “most wanted”. Il loro primo grande evento dopo l’acquisizione di Bethesda, potrebbe essere l’occasione per mostrare i frutti di anni di acquisti. Gli Xbox Game Studios saliti a quota 23, hanno molta carne al fuoco da mostrare. Tra i titoli da loro già annunciati figurano: Halo Infinte, Perfect Dark, Fable, Forza Motorsport, Everwild, State of Decay 3, Avowed, Hellblade II. Potrebbe essere anche l’occasione giusta per vedere qualcosa di concreto sull’attesissimo Starfield, o di poter magari carpire qualcosa in più su Project Mara di Ninja Theory. L’annuncio di Forza Horizon 5 è una di quelle sorprese data per sicura sul web. Se contiamo che tutti i titoli elencati arriveranno al day-one sul GamePass le premesse si fanno molto accattivanti. Personalmente mi aspetto anche il reveal del non ancora annunciato Battlefield 6 di EA/DICE (dati anche gli ottimi rapporti tra EA e Microsoft) oltre che un nuovo titolo di terze parti distribuito da Xbox Global Publishing che si vociferi sia sviluppato da Avalanche Studios.

Electronic Arts

Come anticipato qualche riga sopra EA svelerà al mondo la nuova iterazione del brand di Battlefield. Pensato e concepito per PC e sistemi di nuova generazione, uscirà in una versione apposita e sicuramente molto ridimensionata anche per PS4 e XboxOne. Potrebbe essere anche l’occasione per scoprire qualche dettaglio in piú su i nuovi capitoli di Dragon Age e Mass Effect. L’etichetta EASport presenterà le ultime novità per i suoi titoli sportivi di maggior richiamo come FIFA, ai quali si aggiungerà anche un nuovo arrivato: F1 2021. Il titolo corsistico di Codemasters si unirà alle fila degli sportivi dovuto dall’acquisizione della stessa Codemasters da parte di EA avvenuta lo scorso febbraio. Con l’etichetta EAOriginals che da i suoi frutti, grazie anche a titoli come A way out, It Takes Two e il competitivo appena uscito Knockout City possiamo aspettarci sicuramente delle gradite sorprese.

Ubisoft

La casa francese potrebbe avere diversi assi nella manica per il suo Ubisoft Forward. Le conferme senza ombra di dubbio saranno Far Cry 6, Rainbow Six: Quarantine (titolo non definitivo) e la nuova iterazione FreeToPlay di The Division: Heartland. Potrebbe essere anche l’occasione giusta per mostrare qualcosa di nuovo di Assassin’s Creed, di cui si vocifera sia in arrivo un capitolo intermedio, più piccolo e lineare per colmare l’attesa tra Valhalla e il prossimo capitolo principale. Beyond Good and Evil 2 e Skull and Bones potrebbero rimostrarsi dopo il loro reveal avvenuto ormai diversi anni fa. Stando alle voci di corridoio potrebbe persino arrivare il servizio Ubisoft+ su XboxGamepass.

Sony

Trailer di annuncio di Horizon II – Forbidden West

Con Playstation 5 diventata ormai l’oggetto del desiderio, Sony potrebbe svelare ulteriori nuovi assi per la sua ammiraglia. Anche se la casa di Tokyo non sarà presente all’interno dell’E3, terrà comunque in una data ad oggi da precisare, un proprio State of Play. Facilmente rivedremo GTAV Enhanced che uscirà il 11/11/21. Horizon II: forbidden west sarà uno dei catalizzatori dell’evento stesso, il gioco di Guerrila con molta probabilità uscirà alla fine di quest’anno promettendo un livello di tecnico di prim’ordine. Tra i ritorni senz’altro Gran Turismo 7, Deathloop e Ghostwire Tokyo. L’hype è alle stelle per la probabile apparizione del nuovo God of War annunciato a Settembre. La partnership con Square-Enix per Forspoken e Final Fantasy XVI attesi in esclusiva temporale su PS5. Le ultimissime da parte degli “insider” darebbero certo l’annuncio di un nuovo Final Fantasy esclusivo per la console di Sony, che andrebbe ad aggiungersi al sedicesimo capitolo e al port del XIV. Si dice che questo nuovissimo capitolo sviluppato da Team Ninja, già autori di Ninja Gaiden e reduci dalla saga di Ni-oh, si intitolerà Final Fantasy Origins e avrà dalla sua un ormai rodato ed onnipresente sistema di gioco “souls-like”.

Nintendo

La grande N torna nello schieramento dei partner dell’E3, molto probabile quindi un Direct che mostri tutte le novità in serbo della casa di Super Mario. Nintendo, come sempre, non è famosa per lasciarsi sfuggire le sorprese quindi possiamo solo immaginare quali potrebbero essere potenzialmente gli annunci per l’evento. The Legend of Zelda: Breath of the wild 2 è senz’altro uno dei più attesi della casa giapponese, annunciato nel 2018 e sparito dai radar potrebbe finalmente riapparire questo giugno. Alla lista degli spariti si aggiungono poi Metroid 4 e Bayonetta 3. Inoltre potremmo assistere al reveal del nuovo modello Pro di Nintendo Switch, “Super” o “New” gli ultimi rumor parlano di schermo OLED e 4K. Sarà anche la volta di Mario Kart 9?

Activision

La casa californiana come tutti gli anni presenterà il nuovo capitolo di Call of Duty che quest’anno sarà sviluppato da Sledgehammer games. Si vocifera che il nome in codice sia Vanguard e riprenderà le vicende belliche della seconda guerra mondiale. Il titolo come il precedente Call of Duty Black Ops: Cold War sarà totalmente integrato a Warzone. Sembrerebbe inoltre che Modern Warfare 3 abbia subito un processo di remaster andando a completare la trilogia rimasterizzata per le nuove console con un arrivo previsto inizialmente per console PlayStation. Diablo IV di Blizzard entertainment potrebbe avere del meritato spazio insieme ad un’anticipazione di Overwatch2. Dal canto mio spero con tutto il cuore in un ritorno di Crash e Spyro dopo un ritorno incoraggiante avvenuto con il quarto capitolo del “peramele”, ma il ridimensionamento di Toys for Bob e il passaggio di tutti i team interni di Activision su Call of Duty non fa ben presagire.

Capcom

Trailer di annuncio di Pragmata.

Reduce dal successo di Resident Evil: VIILage e vittima di un enorme fuga di notizie sui piani dell’azienda per i prossimi anni, potrebbe avere dalla sua una piccola ma concreta schiera di titoli da mostrare. Pragmata già intravisto all’evento Sony dell’anno scorso potrebbe tornare a mostrarsi, con una finestra di lancio prevista per il 2023. Nei piani sembra ci sia spazio di continuare i festeggiamenti del 25esimo anniversario della saga sugli zombie di Capcom, per il reveal di un nuovo Resident Evil sulla scia della sotto-saga Revelation. Personalmente sono pronto a puntare il dito anche sul reveal di un nuovo Dragon’s Dogma, vedremo.

Square-Enix

Trailer di annuncio del titolo ufficiale di Forspoken

Come anticipato sopra, tra le fila di Square-Enix i protagonisti si presume siano le punte di diamante del publisher giapponese: Forspoken sviluppato da luminous production per PC e PS5, per quest’ultima in esclusiva temporale, e Final Fantasy XVI anch’esso in arrivo sulla console Sony per un periodo di esclusività determinato. Un nuovo Final Fantasy, come scritto sopra, forgiato dal Team Ninja sembrerebbe in arrivo. Potrebbe essere anche l’occasione per vedere la seconda parte del remake del settimo capitolo della fantasia finale. Si vociferano novità anche dalle sezioni occidentali della compagnia come Eidos, che possa essere un nuovo Tomb Raider? Per Switch Project triangle strategy potrebbe tornare con il titolo definitivo, J-RPG sviluppato dai creatori di Octopath traveller ha già avuto una demo giocabile. Molto favorito anche l’annuncio di un nuovo capitolo di Dragon Quest.

Warner Bros. Games

Trailer di annuncio ufficiale in italiano di Hogwarts Legacy.

Warner ha già molta carne al fuoco ma la recentissima fusione del gruppo AT&T con Discovery Media ha instaurato un pò di paure nei fan che temono che i progetti annunciati ne possano risentire. Tra i giochi annunciati che non vediamo l’ora di poter rivedere figurano senz’altro Hogwarts Legacy titolo a tema Wizardling Worlds di Avalanche software. Back4Blood di TurtleRock autori di quella perla targata Valve chiamata Left4dead. Gotham Knights basato sulle gesta del team di supporto dell’uomo pipistrello sviluppato da Warner Montreal. Suicide Squad: Kill the Justice League sviluppato dagli autori della serie Arkham Rocksteady. All’appello mancano studi come Monolith e Netherealm i quali potrebbero finalmente mostrare rispettivamente le nuove iterazioni della Terra di Mezzo e Injustice o Mortal Kombat.

Conscio di non aver ancora parlato di Elden Ring, il titolo di From Software difficile dire se si rifarà vivo, ma se lo dovesse fare catturerebbe le attenzioni dell’utenza avara di nuove notizie. Ho riportato i principali protagonisti di questo evento, ma sono ancora molti i publisher che meriterebbero una menzione come: Namco Bandai, Take-two, Sega etc…

L’evento si terrà come detto tra il 13 e il 15 di giugno, ma inizierà e proseguirà lungo tutta l’estate con il Summer Game Festival di Geoff Keighley. Noi di Alterthink seguiremo l’evento anche sul canale Twitch. Passando la palla a voi lettori vi invito a scrivere nei commenti quelli che sono per voi i titoli più attesi. Non mi resta altro che dire buon E3 a tutti.

LASCIA UN COMMENTO

Your email address will not be published.

ALCUNE RIFLESSIONI SULL’IMPOSTA (LIBERALE) DI SUCCESSIONE

QUESTIONE DI EREDITÀ