/

IL PATTO DI STABILITÀ RESTA SOSPESO MA NON È UN LIBERI TUTTI

La crisi del debito sovrano e la crisi pandemica hanno messo in luce i limiti delle regole fiscali europee. Se la prima crisi è stata risolta dalla sola politica monetaria, la seconda è stata affrontata da un mix di politica economica efficace, con la sospensione del Patto di Stabilità, il Pandemic Emergency Purchase Programme e il Next Generation Eu. Con l’aumento dell’inflazione, la Bce ha aumentato i tassi e introdotto lo scudo anti-spread,

/

Edmund Burke tradito dal falso conservatorismo di oggi

Edmund Burke è considerato il padre del conservatorismo moderno. Credeva che nelle società non ci dovesse essere né un eccesso di libertà, né un eccesso di democrazia. La prima avrebbe condotto all’anarchia, la seconda alla tirannide. Burke era molto critico nei confronti della bigottissima Chiesa d’Inghilterra, ma al contempo criticava pure l’ateismo. Voleva un parlamento forte, eletto e legittimo. Istituzioni solide che applicassero il rule of law. Legislature lunghe non

/

Ambiente: un brutto clima di campagna elettorale

È cominciata la campagna elettorale per le prossime elezioni politiche, e per la prima volta da molti anni al centro del dibattito vi sono i temi dell’energia e dell’ambiente, divenuti popolari sia per le conseguenze dell’invasione russa in Ucraina che per la violenta siccità che sta colpendo il nostro paese da Nord a Sud. Effettivamente bisogna “ringraziare” il conflitto alle porte dell’Europa e le alterazioni climatiche estreme (per quanto si

/

MISURE BCE: UN PUNTO AI FALCHI, MEZZO PUNTO ALLE COLOMBE, MERCATI DELUSI

Giovedì 21 luglio la Bce ha aumentato i tassi di interesse per la prima volta dopo 11 anni. I mercati finanziari si attendevano un rialzo di 25 punti base ma l’Eurotower ha optato per un aumento di 50. Tuttavia, la stretta monetaria è stata accompagnata dall’annuncio dello scudo anti-spread. Un punto ai falchi, mezzo punto alle colombe, i mercati delusi. La fine di un’era L’ultima volta che la Bce ha

/

Borsellino martire: trent’anni dalla strage di Via D’Amelio

Devono essere stati terribili i cinquantasette giorni che separarono la morte di Giovanni Falcone dalla sua. E quei momenti, rievocati in libri, film, serie tv, fanno ipotizzare un Paolo Borsellino che sapesse bene quale fosse il suo destino dopo la Strage di Capaci. Era solo una questione di tempo. Eppure, l’ex procuratore di Marsala non scappò. Continuò anzi a fare il proprio dovere in maniera minuziosa, con il peso sulle spalle di una condanna

/

DIMISSIONI DRAGHI: SPREAD IN RIALZO E POSSIBILI RICADUTE ECONOMICHE E INTERNAZIONALI

Ai mercati finanziari non sono piaciute le dimissioni di Mario Draghi. Nella giornata di giovedì 14 luglio lo spread ha raggiunto quota 230. L’indice Ftse Mib ha chiuso con un -3,44%, a causa dell’aumento del rendimento del Btp che penalizza Unicredit e Intesa. Cosa rischia l’Italia se cade il governo, tra sfide economiche e geopolitiche.  LO SPREAD TORNA A SALIRE Nella giornata di giovedì 14 luglio, alle ore 14.57, mentre

/

Cosa è successo a Uber?

Sono stati recentemente pubblicati gli Uber Files, un archivio di 124mila conversazioni email, messaggi SMS e WhatsApp, report e slides interni a Uber.

Questi documenti hanno creato scalpore, rivelando spietate ed illecite strategie che l'azienda usava per espandersi.

Vi raccontiamo in poche parole cosa emerge dagli Uber Papers.

/

SANZIONI UE SU PETROLIO E CARBONE: MOSCA GUARDA VERSO L’ASIA

Alla vigilia dell’invasione in Ucraina, la Federazione Russa era il principale partner energetico dell’Unione Europea. Una cooperazione avviata durante la guerra fredda e ormai giunta al termine. Ora, il portafoglio clienti di Gazprom guarda verso l’Asia. Cina e India sono in pole position per l’acquisto di idrocarburi a prezzi scontati.  LE CIFRE PRIMA DELLA GUERRA I dati Eurostat aggiornati al 2020 sulle importazioni europee di prodotti energetici ci aiutano a