/

LEGALIZZARE IL MERCATO DEGLI ORGANI: SÌ O NO?

Quindici anni fa Gary Becker, premio Nobel per l’economia nel 1992, propose di legalizzare il mercato degli organi per aumentare la disponibilità di reni e rimediare alle lunghissime liste d’attesa per chi attende un trapianto. Il tema è ancora un tabù e solo poche nazioni hanno effettivamente accolto la proposta. Vediamo quali sono le problematiche della legalizzazione e quali i vantaggi che essa porterebbe. Il problema L’idea esposta da Gary

/

LA PATRIMONIALE È GIUSTA, MA VA PENSATA BENE

Nel 1946 con l’Italia in macerie e da ricostruire, il liberale Luigi Einaudi pubblicava un piccolo volume dal titolo molto semplice “L’imposta patrimoniale”. Questa imposta, a detta di Einaudi, doveva servire proprio per ricreare una sorta di fiducia tra cittadino e Stato, fiducia che era stata rotta in anni di dittatura e guerra. La lettura di Einaudi è quanto mai attuale: il sistema tributario era rappresentato come un groviglio di

/

LA RIFORMA DEL MES, DI NUOVO

Poco meno di un anno fa il dibattito pubblico si incagliava su una questione squisitamente tecnica: la riforma del Meccanismo Europeo di Stabilità. Lega e Fratelli d’Italia facevano partire una raccolta firme contro la revisione del MES, provocando il divertito imbarazzo di molti osservatori al cospetto di ingenui sostenitori che firmavano senza avere la minima idea della questione in oggetto. Il 30 novembre scorso l’Eurogruppo ha raggiunto un accordo finale

/

SIA LODATO IL PIL

Il PIL è una delle grandezze più usate nelle scienze economiche per descrivere la “ricchezza” di un luogo e la capacità dei suoi cittadini di produrre valore aggiunto. Negli ultimi anni è stata messa in dubbio la sua utilità e parte dell’opinione pubblica si è arresa ad una “decrescita felice”. Un tentativo goffo di nascondere la propria incapacità di crescere? Da decenni una parte ormai maggioritaria dell’opinione pubblica e della

/

BCE & FED, LA LUNGA VIA DELL’INFLAZIONE

Per  quale motivo i mercati pendono dalle labbra delle banche centrali? La risposta è semplice, hanno fiducia. Fiducia nel loro operato. Nelle scelte già prese e in quelle da prendere. Il fatto che non siano in però in grado di raggiungere i loro obiettivi deve preoccuparci? Il prestigio delle banche centrali, nell’era moderna, dipende essenzialmente dalla capacità di mantenere la stabilità dei prezzi e tenere a bada l’inflazione. Questa autorità

/

PILLOLE DI BEHAVIOURAL ECONOMICS (PARTE QUARTA)

Con la serie “Pillole di behavioural economics” vorrei provare a rendere più fruibile il concetto di economia comportamentale, una materia in crescita in diversi Paesi del mondo (soprattutto quelli anglofoni) ma che fatica a decollare nel Belpaese. Oltre a mostrarvi come è nata questa teoria economica, vorrei approfondire il concetto di politiche di nudging (o spinta gentile) e portarne quindi un esempio di applicazione in relazione ai sistemi pensionistici privati.

/

IL FALSO CULTO DEGLI IMPRENDITORI – COME FUNZIONA L’INNOVAZIONE

Nell’epoca di Facebook, Google, Tesla si è sempre di più diffuso il culto dell’imprenditore come una persona dotata di visione e coraggio in grado di creare società miliardarie e rivoluzionare la vita di noi tutti. Si tratta di una visione in qualche modo riconducibile a quella dell’economista austriaco Joseph Schumpeter, che vedeva nell’imprenditore e nella sua capacità di andare oltre i limiti del suo tempo la driving force dell’innovazione tecnologica

/

PILLOLE DI BEHAVIOURAL ECONOMICS (PARTE TERZA)

Con la serie “Pillole di behavioural economics” vorrei provare a rendere più fruibile il concetto di economia comportamentale, una materia in crescita in diversi Paesi del mondo (soprattutto quelli anglofoni) ma che fatica a decollare nel Belpaese. Oltre a mostrarvi come è nata questa teoria economica, vorrei approfondire il concetto di politiche di nudging (o spinta gentile) e portarne quindi un esempio di applicazione in relazione ai sistemi pensionistici privati.