Stefano G. Azzarà

Insegna storia della filosofia presso l’Università di Urbino. Il suo ultimo libro “Il Virus dell’Occidente. Universalismo astratto e sovranismo particolarista di fronte allo stato di eccezione”

Michail Gorbaciov: Colpe o Meriti?

Non è semplice raccontare a chi, per la sua giovane età, non ha vissuto quegli anni come venne percepita la nomina di Michail Gorbaciov a Segretario generale del PCUS, e dunque a leader dell’Unione Sovietica, nell’ormai lontanissimo 1985. Per dare un’idea delle speranze e persino degli entusiasmi che quell’evento aveva suscitato, basti citare qui quanto scriveva nel 1988 Moshe Lewin, uno dei maggiori studiosi della storia russa e sovietica e
5 Settembre 2022

Dalla sconfitta di ogni alternativa socialista in Europa nasce la crisi della democrazia moderna

Il 25 dicembre del 1991 la bandiera rossa veniva ammainata dal pennone del Cremlino. Gorbaciov trasferiva i suoi poteri al presidente della Russia, Eltsin, e il giorno seguente il Soviet Supremo avrebbe proclamato lo scioglimento dell’Urss. Era l’ultimo atto di un processo in corso da tempo: già dalla caduta del Muro di Berlino, il 9 novembre 1989, esattamente trentadue anni fa, il campo socialista era andato tangibilmente in pezzi, con
9 Novembre 2021