/

LA SECONDA ONDATA CI SEPPELLIRÀ E SARÀ COLPA DI TUTTI

Domenica 25 ottobre è tornata l’ora solare. Gli italiani hanno portato le lancette indietro a Marzo. Ebbene sì, dopo gli slogan da libro cuore “andrà tutto bene”, “ce la faremo”, “ci riabbracceremo ancora più forte”, nulla è cambiato rispetto al dramma vissuto in primavera. La seconda ondata è arrivata, con forza pari o superiore a quella della prima: ospedali, soprattutto al Sud, in tilt; migliaia di nuovi casi al giorno; panico e isteria generale; il bollettino di guerra della protezione civile al pomeriggio; un dipiciemme a settimana; presidenti di regione che vanno per conto proprio. Insomma, il più terrificante dei dejà vu. Alla situazione già precaria e delicata, infatti, si è aggiunto un nuovo elemento: le proteste di piazza. Ad inaugurare i moti di rivolta è stata Napoli nelle cui vie si sono riversate migliaia di persone infuriate. La stampa e la politica hanno subito puntato il dito su neofascisti e camorra, ma la verità è che tra di essi era presente anche gente per bene che non può permettersi di stare a casa in attesa del sussidio statale.

L’atteggiamento dei cittadini..

Eppure i virologi e gli epidemiologi ci avevano avvertito: una seconda ondata è altamente probabile. Ma nulla, non ci volevamo credere, nascondendo letteralmente la testa sotto la sabbia e l’ombrellone. Politici e cittadini. Nessuno è immune da colpe. Da una parte noi cittadini avidi di quella libertà perduta in primavera ci siamo riversati con furia su ristoranti, pub, locali, disco, piazze e spiagge con la mascherina ad ornamento unico ed esclusivo del bicipite. Abbiamo abbassato la guardia troppo presto. Confusi da una fiumana di opinioni ottimistiche e fuorvianti, fra “virus clinicamente morto”, “mascherine pericolose per la salute” e “il virus uccide solo d’inverno”.

..quello del governo..

Dall’altra parte i politici. Quelli al governo sono rimasti quasi inermi. Piuttosto che rinchiudersi nei ministeri a studiare e approntare un piano per l’autunno, presidente e ministri hanno preferito crogiolarsi su quanto avessero gestito al meglio la prima ondata e sui banchi a rotelle monoposto. Le discoteche non avrebbero dovuto riaprire, col senno di poi. La Sardegna ne è un esempio. Scampata la prima ondata, oggi affronta disarmata la seconda. In secondo luogo il numero dei posti in terapia intensiva andava raddoppiato, non soltanto a parole in diretta nazionale. I mezzi di trasporto, in vista della riapertura delle scuole, potenziati per consentire il giusto distanziamento fra i passeggeri. I medici di base coinvolti nell’attività di screening in modo da alleggerire il carico di pronto soccorso e ASL. Gli edifici appartenenti al demanio in disuso riqualificati in centri-Covid, oppure per stringere i tempi adibire ad uso ospedaliero gli alberghi privati. Nessun accorgimento è stato preso, forse per mancanza di organizzazione, o forse di capitali. O forse, più semplicemente, per entrambi.

..e quello dell’opposizione

Se il governo ha fatto poco per prevenire e gestire la seconda ondata, l’opposizione ha preferito cavalcare rabbia sociale e dar credito a teorie, diciamo, poco scientifiche. D’altronde cosa potevamo aspettarci da chi da anni lucra sulle disgrazie sociali e umane. Nessuna proposta seria è pervenuta dai banchi della Lega, ad esempio. Il suo leader ha negato l’esistenza del virus e la sua pericolosità, dando un esempio negativo ai suoi followers tra selfie senza mascherina e presenza assidua a sagre dove il distanziamento sociale era un optional. Di politici più propensi a tutelare il proprio interesse particolare rispetto a quello comune possiamo farne a meno, sta a noi capirlo.

L’inevitabilità di un secondo lockdown

Oggi un secondo lockdown è lì ad un passo. Il costante tentennio tra chiudo e non chiudo del presidente Conte è frutto della consapevolezza della scarsità di risorse a disposizione. I soldi sono finiti. Non sarà facile racimolare svariati miliardi per dare ristoro a chi oggi si trova costretto a chiudere. Il debito pubblico è a livelli di default, mentre il recovery fund non sarà operativo fino a 2021 inoltrato. Una serrata integrale come quella di Marzo rappresenterebbe il colpo di grazia per la nostra economia. La crisi non sarà soltanto economica, ma anche sociale e democratica. I cittadini sembrano non mostrare più comprensione rispetto alle scelte di un governo inattivo e quasi inerme. Se in primavera abbiamo accompagnato con responsabilità e senso civico le scelte del governo, oggi la situazione è cambiata. Le piazze delle maggiori città italiane sono già teatro di rivolte e scontri con le forze dell’ordine. E siamo solo all’inizio.

Avremmo potuto evitare un secondo lockdown? Probabilmente sì, se ciascuno di noi avesse fatto la sua parte. Abbiamo voluto la libertà, avremo gli arresti domiciliari.

LASCIA UN COMMENTO

Your email address will not be published.

ARTICOLO PRECEDENTE

SALUTE PUBBLICA ED ETICA: CHI HA DIRITTO A COSA? (PARTE I)

PROSSIMO ARTICOLO

È FINITO IL TEMPO DELLA POLITICA MACHIAVELLICA