/

2×1000 AI PARTITI: I DATI

A partire dal 2014, ogni anno ciascun contribuente può decidere di devolvere il 2 per mille della propria imposta sul reddito delle persone fisiche ad un partito politico di sua scelta. Quest'anno, su oltre 41 milioni e 300mila contribuenti, più di 1 milione e 350mila ha deciso di destinare una porzione delle proprie tasse al finanziamento di un partito politico. In totale, le sigle partitiche che hanno beneficiato delle devoluzioni

/

LA CRISI NELLA CRISI

È il 13 gennaio 2021, il tardo pomeriggio del 13 gennaio per la precisione, Matteo Renzi, leader del partito di maggioranza “Italia Viva”, annuncia le dimissioni delle ministre Teresa Bellanova (politiche agricole) ed Elena Bonetti (politiche per la famiglia), dando così inizio all’ennesima crisi di governo della storia della Repubblica Italiana. La crisi continua tutt’ora, nonostante si sia riusciti a trovare una maggioranza in Parlamento, ma, essendo solo relativa in

/

CRISI DI GOVERNO O CRISI POLITICA? | LIVE CON MATTEO RICHETTI

Partiti che si sfaldano, pattuglie di responsabili, partiti con più parlamentari che elettori, partiti personali senza struttura che decidono la linea su Twitter senza indire assemblee o direzioni. Un tempo c’era chi profetizzava l’arrivo dei partiti leggeri o liquidi: verticistici, senza strutture ben definite, che si adattano volta per volta ai temi della società civile e che si sfaldano insieme al proprio leader. Adesso – con alti e bassi –

/

ITsART O IT’S NOT ART? – PRO E CONTRO DEL NUOVO NETFLIX DELLA CULTURA

Una pioggia di critiche e impressioni decisamente poco ottimistiche. Questa fu la reazione generale all’annuncio, ad aprile scorso, di Dario Franceschini, del lancio imminente di ItsART, nuova frontiera dello streaming italiano. Eppure, io dico, c’era, e c’è ancora, del buono in quest’idea di un Netflix della cultura. Ecco però, partiamo invece dalle criticità, perché sono diverse. Almeno ci togliamo la ghiaia dalla scarpa velocemente. Per seguire un filo logico, durante

/

CREDERE NELLA DEMOCRAZIA

Linee di frattura nella società americana Le immagini che ci sono giunte in diretta da Washington farebbero di sicuro impallidire Alexis de Toqueville, autore de “La democrazia in America”, analisi dettagliata e completa della democrazia liberale americana e delle sue strutture di potere, redatta tra il 1835 e il 1840. Durante il suo viaggio nell’allora lontana “America”, Toqueville, francese, rimase stupefatto dalla capacità dei Padri Costituenti (ahimè solo Padri uomini,

/

V A P O R W A V E: LA NUOVA FRONTIERA DEL ROMANTICISMO

Attorno al 1882 la figura mitologica di Uroboro fu riesumata per rendere concetto un idea scarabocchiata da quella folle e geniale mente di Nietzsche (quello che abbracciava i cavalli). Tale figura, quella di un serpente che si morde la coda, è la rappresentazione simbolica della ciclicità del tempo. “Tutto è destinato a convergere” dice un vecchio detto zen, così come il tempo rincorre sé stesso e proietta le sue fasi

/

L’ANNO ELETTORALE EUROPEO

Il 2021 sarà un anno fondamentale per gli equilibri politici del vecchio continente: alcuni importanti paesi dell’Unione sono chiamati al voto e in molti casi si tratta di elezioni molto significative, che avranno ripercussioni sulla politica dell’intera Europa. Dopo un 2020 segnato da pochissime tornate elettorali in tutto il mondo, di cui molte rimandate a causa COVID, alcuni paesi in Europa e nel mondo saranno chiamati al voto nel 2021

/

GUERRA ALLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA

Proposta di Alvise Pedrotti. Da un’idea di Mark Pisoni. REGOLAMENTAZIONE DELLE SOSTANZE STUPEFACENTI ATTRAVERSO UN MONOPOLIO DI STATO UNA PREMESSA Sebbene io faccia parte di Azione, ci tengo a precisare che questa proposta non scaturisce dalla mia esperienza nel partito, né sono stati coinvolti altri membri di esso. Quello che propongo, quindi, è solo ed esclusivamente a nome mio e non ha a che fare minimamente con il partito. INTRODUZIONE