/

SEI COSE A PARTIRE DAL BAN DI TRUMP (di Fabio Chiusi)

Libertà di espressione e chiamata alla violenza non c’entrano nulla. Se Facebook rimuove un mio post in cui chiedo, anche velatamente, ai miei amici o follower di picchiare x, non sono stato “censurato da un monopolista privato”: mi è stato giustamente impedito di arrecare danno alla salute di x. Se io comunque imperterrito continuo per mesi ad attentare alla vita di x, y, z o della collettività democratica tutta, e

/

CENSURA ALLO SPETTACOLO: È UNA NOVITÀ?

L’anno che che abbiamo salutato non terrà con sé le polemiche di cui mondo dello spettacolo è stato protagonista. Il 2021 potrebbe vederne di più siccome l’attenzione su cosa si può e non si può dire è ormai alta.L’intrattenimento in generale è stato cruciale visti i lockdown, ed è sorta l’esigenza di monitorare anche laddove prima c’era più libertà. La censura La TV, il cinema e il web sono diretti

/

IL RAPPORTO TRA POLITICA E BIG TECH – INTERVISTA A STEFANO QUINTARELLI

È destinata a far discutere la decisione di Twitter di “bannare” in modo definitivo Donald Trump: la decisione è stata presa dopo l’assalto al Congresso e giustificata dal fatto che i suoi ‘cinguettii’ violassero le regole di Twitter contro l’incitamento all’odio e le minacce violente. Le questioni che l’evento ha sollevato e solleverà sono molte, e molte sono le implicazioni su temi come libertà di espressione, opinione pubblica e democrazia.

/

IL RAPPORTO TRA POLITICA E BIG TECH – INTERVISTA A LORENZO PREGLIASCO

È destinata a far discutere la decisione di Twitter di “bannare” in modo definitivo Donald Trump: la decisione è stata presa dopo l’assalto al Congresso e giustificata dal fatto che i suoi ‘cinguettii’ violassero le regole di Twitter contro l’incitamento all’odio e le minacce violente. Le questioni che l’evento ha sollevato e solleverà sono molte, e molte sono le implicazioni su temi come libertà di espressione, opinione pubblica e democrazia.

/

PERCHÈ L’INSURREZIONE DI CAPITOL HILL È UN PERICOLO PER L’ITALIA

La rivolta avvenuta a Washington, che ha portato all’assalto del Congresso statunitense, rappresenta l’ennesimo sfregio istituzionale che rischia di lasciare strascichi pericolosi anche nel nostro paese. L’insurrezione di Capitol Hill rappresenta il momento più miserevole e disdicevole di questi anni di amministrazione Trump: lo scempio alle istituzioni democratiche americane è stato totale. La tensione politica accumulatasi successivamente alla vittoria elettorale di Biden, e alla conseguente sconfitta di Trump, si è

/

LA FINANZA IN SOLDONI (di Massimo Famularo)

L’ignoranza in ambito finanziario limita fortemente la nostra capacità di comprendere gli eventi che ci circondano e può indurci a tenere comportamenti sbagliati e in ultima istanza dannosi.    Ad esempio, può spingerci a richiedere un finanziamento che non saremo in grado di ripagare, oppure a impiegare male il nostro risparmio, acquistando titoli troppo rischiosi o non coerenti con le nostre esigenze e preferenze. Può, inoltre, limitare i nostri diritti politici,

/

IL DOCUMENTARIO IN TV: POMPEI

Non si vede spesso l’archeologia in TV. La Rai propone un documentario interessante su Pompei. Che riscontro ha avuto sul pubblico? È all’avanguardia? Il 27 dicembre è stato trasmesso su Rai2 il docu-film Pompei ultima scoperta. Il riscontro è positivo, registrando uno share di poco superiore all’11% (per un totale di 3 milioni di ascoltatori). I dati sono confortanti, poiché si avvicinano alla media raggiunta da un programma molto apprezzato come

/

LA MIA GENERAZIONE HA PERSO (di Otto Lanzavecchia)

Esimia classe dirigente,chi vi scrive è un milanese di 24 anni che è appena entrato (fortuitamente) nel mondo del lavoro dopo aver studiato. Vorrei però tralasciare le condizioni abiette con cui io e gli altri giovani ci scontriamo – tutte cose arcinote – e guardare al futuro. Ho letto la bozza del Piano nazionale di ripresa e resilienza e ho seguito il dibattito pubblico attorno a esso. E vi dirò: