/

LA SQUADRA DI DRAGHI

Poco meno di due settimane. Questo il tempo rivelatosi necessario per formare il Governo Draghi. E nel corso di questi giorni, la domanda più scottante è stata: tecnico o politico? Tecnico o politico, questo è il dilemma Per ore e ore periti “maratoneti” e affini si sono chiesti se l’Italia avrebbe vissuto una rivisitazione del Governo Monti o se invece la politica sarebbe stata in grado di mantenere l’avamposto nell’esecutivo.

/

2×1000 AI PARTITI: I DATI

A partire dal 2014, ogni anno ciascun contribuente può decidere di devolvere il 2 per mille della propria imposta sul reddito delle persone fisiche ad un partito politico di sua scelta. Quest'anno, su oltre 41 milioni e 300mila contribuenti, più di 1 milione e 350mila ha deciso di destinare una porzione delle proprie tasse al finanziamento di un partito politico. In totale, le sigle partitiche che hanno beneficiato delle devoluzioni

/

EDUCAZIONE CIVICA: RIPARTIAMO DA ZERO

Introdotta nel 1958 e poi soppressa nel 1990, a partire dall’anno scolastico in corso é stato reintrodotto l’insegnamento obbligatorio dell’Educazione Civica nelle scuole di ogni ordine e grado. Ai propositi encomiabili della riforma non è però corrisposta un’adeguata progettazione, e il provvedimento, per come implementato, sembra avere più ombre che luci. A fine agosto 2019 il Parlamento reintroduceva per legge l’insegnamento dell’educazione civica nei curricoli scolastici delle scuole di ogni

/

LA RIFORMA DEL MES, DI NUOVO

Poco meno di un anno fa il dibattito pubblico si incagliava su una questione squisitamente tecnica: la riforma del Meccanismo Europeo di Stabilità. Lega e Fratelli d’Italia facevano partire una raccolta firme contro la revisione del MES, provocando il divertito imbarazzo di molti osservatori al cospetto di ingenui sostenitori che firmavano senza avere la minima idea della questione in oggetto. Il 30 novembre scorso l’Eurogruppo ha raggiunto un accordo finale

/

IL FUTURO DEI LIBERALI: INTERVISTA A COSTANZA HERMANIN

È notizia della settimana scorsa la fusione delle componenti parlamentari di Azione e +Europa, ma l’avvicinamento dei due soggetti, tanto auspicata quanto trascurata da ambe le parti, è ancora lontana. Cosa succederà ai liberal-democratici italiani? Ce ne parla Costanza Hermanin, ex vicesegretaria e dirigente di +Europa,  in questa intervista ad AlterThink. Con un bacino elettorale del 7-8% e più di tre partiti a contenderselo, i liberaldemocratici sembrano essere diventati la

/

POLITICA, PROBABILITÀ E OPINIONE PUBBLICA – con Lorenzo Pregliasco

Cosa sono le società demoscopiche? Come devono essere letti i sondaggi politici? Quali criteri scientifici bisogna rispettare per fare un buon sondaggio? Quando un campione è davvero rappresentativo? Come si affronta un evento come le presidenziali americane e che ruolo hanno i sondaggi in tal senso? Queste alcune delle domande che i nostri Alessandro, Mattia e Mitja avranno il piacere di porre a Lorenzo Pregliasco, co-fondatore dell’agenzia di ricerche sociali

/

ESTRARRE A SORTE IL PARLAMENTO – AI MARGINI DELLA DEMOCRAZIA

Niente più elezioni, niente più partiti. Come cambierebbe il nostro sistema politico se i parlamentari venissero estratti a sorte tra i cittadini? A questa domanda si dedica il secondo appuntamento di “Ai margini della democrazia”, analizzando le falle della nostra democrazia rappresentativa e valutando come, estraendo a sorte gli “eletti”, le nostre scelte pubbliche potrebbero cambiare. Qualcosa non va Nello scorso appuntamento della rubrica abbiamo analizzato come negli ultimi anni

/

LA DEMOCRAZIA DIRETTA TRA ROUSSEAU E BEPPE GRILLO – AI MARGINI DELLA DEMOCRAZIA

A pochi giorni dal referendum sul taglio dei parlamentari, Beppe Grillo è tornato a esprimersi a favore della democrazia diretta, ritenendo che la democrazia rappresentativa sia ormai divenuta largamente inadatta. L’articolo – primo di una serie dedicata alla Democrazia – tenta di muovere alcune argomentazioni in difesa della democrazia rappresentativa e contro la sua degenerazione. A pochi giorni dal plebiscito referendario che ha sancito la volontà di quasi il 70%