/

LOOP STATION: CHI FA DA SÈ FA PER TUTTI

Con loop station si intende uno strumento- solitamente nella forma di una pedaliera- che permette al musicista di registrare, loopare e modificare qualsiasi tipo di suono, anche grazie all’utilizzo di effetti vari. Più nello specifico si parlerà dell’utilizzo della voce unito a tale supporto. La storia della loop station comincia con l’invenzione del grammofono, avvenuta nel 1887 e dunque della possibilità di registrare una qualsiasi traccia audio. Con questo strumento

/

“LA GRANDEZZA DELLA MIA MORALE É PROPORZIONALE AL MIO SUCCESSO”

Citando una celebre canzone degli Afterhours mi riconduco a ciò che sta succedendo in questi giorni negli USA. “E se non giocassimo?”. 25 agosto. George Hill, playmaker dei Milwaukee, ha reso in parole quello che era un sentimento comune che si viveva nella “bolla” dell’NBA da circa 24 ore. Andiamo con ordine, cosa è la bolla? In parole povere da inizio luglio i giocatori dell’NBA stanno vivendo lontano da affetti

/

UN FIUME DI OPINIONI

Una breve riflessione su come cambiare le nostre opinioni, per quanto fondamentale, non vada in accordo con altri aspetti dell’esistenza. Uno dei piaceri della nostra esistenza è conversare: quell’umana tendenza a far vibrare l’aria in maniera tale da suscitare una risposta nei nostri simili. Ora magari a vibrare sono gli schermi degli smartphone e una grande quantità di elettroni, ma l’effetto è lo stesso. Non solo strumento utilissimo ma anche

/

GIANNI BRERA, IL CANTORE DEL PALLONE

Come si parla di Omero padre spirituale dei cantori epici, così si parla di Gianni Brera come padre del giornalismo sportivo.  Gianni “Giuan” Brera nasce nel 1919 a San Zenone al Po in provincia di Pavia. Ben presto si innamora del gioco del calcio giocando come terzino, e a 16 anni comincia a scrivere brevi articoli e commenti riguardo al campionato sul settimanale milanese “Lo Schermo Sportivo”. Comincia così la

/

LA PARTITA PIÙ AZZURRA

Se qualcuno mi chiedesse quale partita rappresenta il “calcio italiano” in tutta la sua essenza io senz’ombra di dubbio risponderei Olanda-Italia del 29 giugno 2000. Partiamo subito con un’osservazione: cosa significa per me “calcio italiano”. Noi italiani siamo sempre stati additati, in ambito sportivo, come catenacciari, difensivisti, brutti da vedere. Ebbene, non c’è niente di più giusto. Basta nasconderci, l’Italia non ha mai vinto da favorita o giocando il miglior

/

LA VITA DENSA DI LUCA

Fermatevi un attimo, respirate, sgombrate la mente. Oggi vi parlo della vita densa di Luca. Oggi si trippa. Luca ha trentadue anni, ma non bada molto all’età. Lavora come operaio metalmeccanico presso l’azienda che lui stesso dirige. Potreste pensare che le sue mani siano ruvide, callose. E invece no, l’opposto: le sue sono morbide, levigatissime, e incredibilmente ferme; precise e ferme tanto quanto i suoi ragionamenti. Queste sue doti gli

/

ABEBE BIKILA, IL CAMPIONE SCALZO

Roma, Olimpiadi del 1960. Abebe Bikila, maratoneta senza scarpe, è il primo atleta africano a vincere un oro olimpico. Avessimo qui con noi la sua carta d’identità essa reciterebbe: nome, Bikila; cognome, Abebe (per la cultura etiope però prima viene il cognome e poi il nome); nato il 7 agosto 1932 a Jato, in Etiopia. Fine qui, sulla vita di Abebe fino ai 17 anni non sappiamo nulla. Si sentono

/

IL RICICLAGGIO MUSICALE: LA RIVOLUZIONE DEI SAMPLES

Siamo normalmente portati a pensare alla musica- e all’arte in generale- come ad una creazione unica ed irripetibile. Tralasciando la performance live, l’artista viene esaltato per la propria originalità e la capacità di generare dal nulla le melodie che popolano le sue produzioni. Il discorso cambia notevolmente se pensiamo ai samples. Anzitutto, il sample, chiamato “campione” in italiano, significherebbe una piccola parte di un intero, che tuttavia riesce a mostrare