/

SIMONE WEIL E IL MANIFESTO PER LA SOPPRESSIONE DEI PARTITI POLITICI (di Paolo Pozzani)

Abbiamo rispetto per il nostro pensiero quando lo deformiamo in conformità a un insegnamento prestabilito? E quando ciò avviene, quali le conseguenze sulla comunità degli uomini? Potrebbe cominciare così, con due domande, questa breve esposizione di uno specifico frammento del pensiero politico di Simone Weil (SW, d’ora in poi) come è presentato nel “Manifesto per la soppressione dei partiti politici” (edizione Castelvecchi) scritto verso la fine della sua vita. Nel

GIORNATA MONDIALE DELLE DONNE E RAGAZZE NELLA SCIENZA

Visualizza questo post su Instagram Un post condiviso da AlterThink (@alterthink) Visualizza questo post su Instagram Un post condiviso da AlterThink (@alterthink) L’11 Febbraio è la giornata delle donne e delle ragazze nella scienza. È stata istituita per incoraggiare la partecipazione delle donne allo sviluppo scientifico, ma perché ne abbiamo bisogno? L’idea di una giornata mondiale dedicata alle donne impegnate nella scienza nasce in occasione del World Women’s Health and Development Forum svoltosi tra il 10

/

IL FENOMENO HIKIKOMORI E NEON GENESIS EVANGELION (di Samuele Bettuelli)

Neon Genesis Evangelion è un cult dell’animazione giapponese che si rivolge a tutte le persone con difficoltà relazionali e, in particolare, a quelle che tentano di fuggire da una realtà in cui si sentono inadeguati. Così, dopo quasi trent’anni dalla sua uscita, Evangelion può essere uno straordinario strumento per comprendere la problematica hikikomori. (SPOILER ALERT). Solo recentemente, in Italia, l’argomento hikikomori è divenuto oggetto di frequenti discussioni. Oggi il dibattito

/

CRISI DI GOVERNO O CRISI POLITICA? | LIVE CON MATTEO RICHETTI

Partiti che si sfaldano, pattuglie di responsabili, partiti con più parlamentari che elettori, partiti personali senza struttura che decidono la linea su Twitter senza indire assemblee o direzioni. Un tempo c’era chi profetizzava l’arrivo dei partiti leggeri o liquidi: verticistici, senza strutture ben definite, che si adattano volta per volta ai temi della società civile e che si sfaldano insieme al proprio leader. Adesso – con alti e bassi –

/

IL RAPPORTO TRA POLITICA E BIG TECH – INTERVISTA A GIULIA PASTORELLA

È destinata a far discutere la decisione di Twitter di “bannare” in modo definitivo Donald Trump: la decisione è stata presa dopo l’assalto al Congresso e giustificata dal fatto che i suoi ‘cinguettii’ violassero le regole di Twitter contro l’incitamento all’odio e le minacce violente. Le questioni che l’evento ha sollevato e solleverà sono molte, e molte sono le implicazioni su temi come libertà di espressione, opinione pubblica e democrazia.

/

SEI COSE A PARTIRE DAL BAN DI TRUMP (di Fabio Chiusi)

Libertà di espressione e chiamata alla violenza non c’entrano nulla. Se Facebook rimuove un mio post in cui chiedo, anche velatamente, ai miei amici o follower di picchiare x, non sono stato “censurato da un monopolista privato”: mi è stato giustamente impedito di arrecare danno alla salute di x. Se io comunque imperterrito continuo per mesi ad attentare alla vita di x, y, z o della collettività democratica tutta, e

/

IL RAPPORTO TRA POLITICA E BIG TECH – INTERVISTA A STEFANO QUINTARELLI

È destinata a far discutere la decisione di Twitter di “bannare” in modo definitivo Donald Trump: la decisione è stata presa dopo l’assalto al Congresso e giustificata dal fatto che i suoi ‘cinguettii’ violassero le regole di Twitter contro l’incitamento all’odio e le minacce violente. Le questioni che l’evento ha sollevato e solleverà sono molte, e molte sono le implicazioni su temi come libertà di espressione, opinione pubblica e democrazia.

/

IL RAPPORTO TRA POLITICA E BIG TECH – INTERVISTA A LORENZO PREGLIASCO

È destinata a far discutere la decisione di Twitter di “bannare” in modo definitivo Donald Trump: la decisione è stata presa dopo l’assalto al Congresso e giustificata dal fatto che i suoi ‘cinguettii’ violassero le regole di Twitter contro l’incitamento all’odio e le minacce violente. Le questioni che l’evento ha sollevato e solleverà sono molte, e molte sono le implicazioni su temi come libertà di espressione, opinione pubblica e democrazia.