/

LA CRISI DELLE BIRRE ARTIGIANALI: INTERVISTA A TEO MUSSO, PATRON DI BALADIN

Secondo il celebre dizionario del parlare quotidiano non c’è miglior sinonimo di aggregazione dell’espressione “stasera birretta?”. E, si sa, di questi tempi il concetto di aggregazione non va, giustamente, per la maggiore. Le attività che creano occasione d’incontro (pub, bar, birrerie e ristoranti) sono state le prime a chiudere e le ultime a riaprire. La diretta conseguenza è stata una enorme contrazione nel consumo dei prodotti ad esse, direttamente o

/

ECONOMIA E COVID: UN COMPROMESSO INEVITABILE

“La vita viene prima dell’economia”. E’ una frase con cui potremmo (e forse dovremmo) concordare tutti, ma è davvero possibile tutelare la vita e più in generale la salute, senza tutelare l’economia?  La salute prima di tutto Parlando di lockdown, quello del trade-off tra tutela della salute pubblica e tutela dell’economia è forse uno dei terreni più scivolosi. Il dibattito è oggi talmente polarizzato che anche il semplice fatto di

/

LIMITE AL CONTANTE: SOLITA MISURA INUTILE?

Il Governo Conte ha varato una nuova misura per far fronte all’evasione fiscale, ovvero la riduzione del limite del contante. Questo tipo di proposta non è sicuramente una novità ed è pure di dubbia efficacia. In Italia è necessario un cambiamento culturale sul tema dell’evasione, altrimenti il rischio rimarrà sempre quello di fare politiche timorose della perdita di voti degli evasori.  Una delle cause principali della continua sofferenza dell’economia italiana,

/

CANTAMI, O D’IVA

Il Governo Conte ha annunciato che è in fase di elaborazione una possibile riduzione dell’IVA. La tecnica dell’annuncio, insieme alla poca competenza degli addetti ai lavori, è una grave malattia della politica italiana che aggrava l’incertezza nell’economia. Il nostro Paese non ha bisogno di una riduzione dell’IVA, bensì di una riforma fiscale strutturale e avvolgente. Nel Paese dell’ignoranza finanziaria, la povera Imposta sul Valore Aggiunto (meglio conosciuta con il suo

/

LA DISCRIMINAZIONE NEL MERCATO DEL LAVORO

La discriminazione nel mercato del lavoro è un fenomeno tanto ampio quanto complesso. In questo articolo cercheremo di capire come la discriminazione si manifesta, quanto è rilevante e come si può intervenire per limitarla. Nei primi anni Duemila gli economisti Marianne Bertrand e Sendhil Mullainathan condussero un esperimento consistente nell’inviare circa 5000 curricula falsi in risposta a oltre 1300 annunci di lavoro trovati sui quotidiani di Boston e Chicago. Sebbene

/

L’UE AL TEMPO DEL COVID_19

Il Covid_19 ha messo in luce le debolezze della macchina europea, la quale ha impiegato diverso tempo nel disporre le politiche economiche necessarie per contrastare la crisi pandemica. Nonostante le risposte corrette siano poi arrivate, in un futuro non troppo lontano l’UE dovrà decidere dove andare: sovranismo o stati federali? Recentemente l’Unione Europea ha dovuto affrontare numerosi passaggi del testimone. Questa fase, prevista dai trattati, comporta la nomina dei presidenti

/

VERSO IL RITORNO DI UN GOVERNO DELL’ECONOMIA?

Anche se la recessione generalizzata causata dalla diffusione della pandemia che si prospetta nelle maggiori economie avanzate è uno shock esogeno, inaspettato e, come tale, indipendente dalle variabili che caratterizzano il contesto socio-economico ed istituzionale, non si può dire lo stesso per le crisi che, a partire dalla fine degli anni ’80, si sono abbattute con frequenza crescente sul sistema capitalistico globale.  Crisi passate e crisi attuale: un confronto Ciò

/

CHI CI SALVERÀ DALLA CRISI ECONOMICA DA COVID_19?

Il Covid_19 ha colpito duramente l’economia mondiale, mettendo a dura prova bilanci e politiche economiche dei Paesi più stressati. Le linee guida dettate da Mario Draghi sono certamente d’aiuto per il superamento di questa crisi, ma solo un elettorato consapevole e lungimirante potrà salvare L’Italia. Il Covid_19 ha colpito duramente l’economia mondiale. Questa nuova malattia ha creato una sensazione di incertezza che probabilmente non ha precedenti, lasciando futuro di cittadini

1 3 4 5